Una storia di vite e vini...

Il Vino Biologico nasce dalla storia e dall'esperienza

Una storia di vite e vini lunga quattro generazioni è l'eredità spirituale che Paolo Bolla ha trasferito dal Veneto, sua terra natale, all'Umbria. Qui ha incontrato un territorio intatto di grande fascino, a sua volta figlio di una storia millenaria che sa di acqua e sale, e ancora oggi tradisce la sua origine marina nella composizione del terreno di argilla e tufo, ricco di scheletro. Perché dove oggi prosperano la vite e l'olivo un tempo si stendeva l'oceano. Il ricordo di quell'antico ambiente oggi si traduce nel rispetto dell'originalità del territorio, e nel legame con esso e con le generazioni passate che l'hanno vissuto e lavorato: per questo sulle etichette dei vini di Fontesecca compaiono fossili di conchiglie, parte integrante del terroir. Vini che, a loro volta, hanno scelto di esaltare l'originalità di vitigni locali come il Trebbiano Toscano, la Malvasia, il Grechetto, il Ciliegiolo, il Canaiolo e il Sangiovese coltivati e lavorati in pieno rispetto della loro naturalità, secondo i dettami della vitivinicoltura biologica. Rispetto, natura, originalità, storia, qualità della vita... sono le radici della filosofia di Fontesecca e del suo vino biologico, posta a Città della Pieve (PG), al confine con la parte meridionale della provincia di Siena. Ma per essa più che le parole contano le azioni, anzi i prodotti: olio e vino biologico, appunto. Piccole produzioni realizzate con la competenza di oggi, la sapienza di ieri e la tradizione di sempre e che per questo parlano tutte le lingue del mondo.

Google +

Segnala il sito su Google +